Yamaha MT-10

Recensione: Yamaha MT-10 (Baujahr 2019)

La pecora nera della famiglia

imageFoto: Motorradtest.de

La serie MT di 03, 07 e 09 è un vero e proprio pilota di vendita. Nella rispettiva classe di prestazioni dei prezzi ci sono pochi motivi per non acquistare queste biciclette. Ma c'è l'MT-10: se le altre mt bike rappresentano le figlie ben educate di una buona casa, l'MT-10 deve essere nato da una scappatella. Che bello.

Aspetto trasformatori

Stai lì croccante. L'MT-10 è sicuro di sé su pantaloni spessi, massicci e rialzista dà la malvagia Naked Bike. La maschera frontale in stile Transformer fa la sua parte. Yamaha definisce l'MT-10 "il lato oscuro della potenza" e infatti il design sembra più estremo rispetto alle sorelle più deboli. Ma è nit-10, perché l'MT-10 dovrebbe essere non solo una bici nuda, ma una bici iper-nuda. Quello che all'inizio sembra un discorso di marketing dalla lattine ha un background reale. Sebbene ampiamente rielaborata, la base dell'MT-10 proviene dalla R1 e quindi da una superbike. Solo senza rivestimento. Oha.

Ciò che colpisce ancora è il metodo di costruzione estremamente breve. Prima di tutto, questo porta a un'operazione passeggeri piuttosto inesistente grazie alla panca corta più corta, ma soprattutto a un passo molto corto di 1,40 metri. Insieme all'angolo della testa dello sterzo di soli 24 gradi, questo layout promette manità senza fine. Una rapida occhiata alla scheda tecnica: 210 chili, 160 CV. E quindi è chiaro che oggi sarà un grande giorno di prova nonostante il tempo avventuroso.

imageimageimage

Rimangono 160 CV

Il display è abbastanza grande e non c'è nulla di sbagliato nella logica operativa o nella leggibilità. Lo Yamaha MT-10 non è una delle moto che sarebbe consigliabile noleggiare. È possibile selezionare tre modalità di trazione e guida per garantire che il tutto rimanga mobile. Ciò è stato in linea di genere con le possibilità di adattamento, a parte le cose quotidiane come il ripristino del contatore giornaliero del chilometro. Questa apparente arretratezza rende la vita più facile, ma l'aspetto vecchio stile della grafica è un po 'inquietante.

Qualche parola sul motore, che dovrebbe essere la fonte di tutta la gioia. Come accennato in precedenza, proviene dalla Superbike R1 da 200 CV. Yamaha non presume erroneamente che gli acquirenti di Superbike possano convivere con i suoi svantaggi, ma questa tolleranza in termini di guidabilità nella gamma Naked è piuttosto gestibile. Ecco perché hanno rielaborato il 40% del motore a favore di una curva di coppia più quotidiana. L'ora raccoglie i suoi identici 111 newtonmetri a 9.000 giri, rispetto ai 2.500 giri precedenti. 40 CV sono stati persi durante l'operazione - se questo è uno svantaggio, controlleremo subito.

Quindi andiamo.

image

Bici iperattiva

Sì, gli Yamahista hanno avuto davvero bello. Il quattro cilindri corre un po 'ruvido, qualsiasi altra cosa sarebbe inappropriata per questa moto. Naturalmente, il suono ricco proviene non solo dalla cilindrata di un litro, ma anche dallo scarico sportivo. Questo ci fa desiderare di più e non vediamo alcun motivo per non divertirci ora oltre alle condizioni stradali raccapriccianti.

Quando si parte, la Yamaha è una moto giapponese fino in fondo. Dirà: L'MT-10 non è problematico e fa ogni sforzo per non intasarsi nel nostro divertimento attraverso macken. Nell'ulteriore corso dei nostri test drive scopriremo che l'MT-10 è il non-for-bike ideale. Hm? Non è troppo duro, il motore non è troppo ruvido, la posizione seduta non è troppo estrema e non è soggetta a sorprese nel complesso.

Che cos'è allora? È la madre di tutti i ladri di curve. La parte migliore è il modo in cui incoraggia il pilota a graffiare le curve, perché ispira molta fiducia. Yamaha è riuscita a mantenere i vantaggi del passo ultra corto senza saziare la stabilità nelle curve veloci o in autostrada. L'MT-10 va sempre come la proverbiale semina. Già al piano di sotto non lascia bruciare nulla, la coppia spinge forte da 4.000, e quando il contagiri lascia il segno dei 6.000 alle spalle è uno con la santa Madonna dell'accelerazione.

Grazie all'insolita sequenza di accensione, il motore suona sempre in modo appropriato inappropriato senza cadere nella canna. Questo da solo è un motivo sufficiente per continuare ad accendere il rubinetto.

Ma è necessaria un po ' di cautela. Mantenere la curva e frenare forte va bene, in quanto non c'è praticamente nessun momento di set-up. Grazie ai suoi soli 210 chili, giace frastagliatamente in sinuoso, le onde del suolo non possono distrarla da una pista pulita. Va anche bene dare l'acceleratore completo all'uscita della curva, ma per favore non arrivare troppo presto: l'MT-10 non ha il sensore di angolo dell'R1. Il conducente deve decidere se la curva è davvero finita, altrimenti potrebbe presto essere alla fine della sua strada (o sdraiato) nonostante il controllo della trazione.

Dispositivo puro divertimento

Che cos'è allora?, abbiamo chiesto sopra. Quello che non è, viene qui: un tourer. In effetti, c'è una versione con un disco e valigie, ma sembra che il designer responsabile sia appena stato in vacanza. Il carico utile è comunque di 170 chili magro. D'altra parte, non importa, perché le operazioni a lungo raggio sono un calvario.

Tra noi, lo Yamaha MT-10 non è un successo di vendita rispetto alle sue sorelle MT-07e MT-09. Perché? Non può essere perché è troppo alta per una moto di questa classe rispetto alle 13.999.

Il design certamente non piace a tutti, ma probabilmente il motivo sta altrove: chi acquista una Yamaha ha maggiori probabilità di aspettarsi la figlia ben comportata da una buona casa. Noi, la lega di illuminati gentiluomini di Motorradtest.de, ci siamo divertiti ribassistamente con l'MT-10. A volte abbastanza irragionevole!

La moto di prova ci è stata fornita da Motorrad Ruser ad Haseldorf.

Prezzo / Disponibilità / Colori

  • Prezzo: 13.999€
  • Usato (3 anni): 9.000€
  • Disponibilità: buona
  • Colori: blu-argento
Aperto
Vicino
waveform

Pro e Kontra

  • Bums senza fine
  • Comportamento di guida agile
  • tecnicamente (finalmente) ben attrezzato
  • buoni freni
  • già in serie tutto a bordo -> prezzo equo
  • La modalità di guida può essere modificata solo quando è ferma
  • operazione un po 'strana
  • Frizione non regolabile nel raggio d'azione e un po 'lenta
  • nessuna connettività del telefono cellulare

Nuove registrazioni della MT-10

Wettbewerber einblenden
Caricamento grafico in titolo...

Nuove registrazioni della MT-10

Wettbewerber ausblenden
Caricamento grafico in titolo...
Von unserem Team geprüft:

Generale

digitare
Nudo
Eia
15.449 €

Dimensioni

Lunghezza
2.100 mm
Altezza
1.165 mm
Peso
212 kg
posto a sedere
835 mm
Passo
1.405 mm

Prestazioni e autonomia di guida

Da 0 a 100
3.1 s
Contenuto del serbatoio
17 l
Consumo
6,83 l
Gamma
249 km
Velocità massima
249 km/h

Trasmissione di motori e potenza

Progettazione del motore
Numero
Numero di cilindri
4
Raffreddamento
Liquido
Spostamento
998 cc
Foro
79 mm
Hub
50,9 mm
Prestazione
166 CV
Coppia
112 NM
Numero di marce
6
Guida
Catena

Sospensioni e freni

Telaio
Telaio tubo ponte
Parte anteriore delle sospensioni
43 mm usd
Viaggio:
120 mm
Puntone posteriore
Mono montante incernierato tramite sistema a leva
Viaggio:
120 mm
Posteriore sospeso
Alluminio oscillante a due braccetto
Freni davanti
Doppio disco
320 mm
Pneumatici nella parte anteriore
120/70 ZR17
Freni posteriori
discoteca
220
Pneumatici posteriori
190/55 ZR17

Ulteriori prove

Foto: Dietmar

Yamaha FJR 1300 AE

Recensione

Oltre agli anni '900 retrò chiamati Z900RS, Kawasaki ha anche la forma moderna nella sua gamma, e
Oltre agli anni '900 retrò chiamati Z900RS, Kawasaki ha anche la forma moderna nella sua gamma, e
Foto: Dietmar

Yamaha Ténéré 700

Recensione

Oltre agli anni '900 retrò chiamati Z900RS, Kawasaki ha anche la forma moderna nella sua gamma, e
Oltre agli anni '900 retrò chiamati Z900RS, Kawasaki ha anche la forma moderna nella sua gamma, e
Foto: BikeReview.info

Yamaha XSR 700

Recensione

Oltre agli anni '900 retrò chiamati Z900RS, Kawasaki ha anche la forma moderna nella sua gamma, e
Oltre agli anni '900 retrò chiamati Z900RS, Kawasaki ha anche la forma moderna nella sua gamma, e

YAMAHA MT-09 (2021)| TEST (tedesco)

Recensione

Oltre agli anni '900 retrò chiamati Z900RS, Kawasaki ha anche la forma moderna nella sua gamma, e
Oltre agli anni '900 retrò chiamati Z900RS, Kawasaki ha anche la forma moderna nella sua gamma, e
Foto: BikeReview.info

Yamaha R3

Recensione

Oltre agli anni '900 retrò chiamati Z900RS, Kawasaki ha anche la forma moderna nella sua gamma, e
Oltre agli anni '900 retrò chiamati Z900RS, Kawasaki ha anche la forma moderna nella sua gamma, e