Yamaha YZF-R3

Test: Yamaha R3 (Baujahr 2020)

Cosa può fare il Bonsai superathlete?

Il predecessore della nostra moto da test chiamata YZF-R3 era una Yamaha tipica: decente e solida, anche se sufficientemente sportiva. La R3 è diventata più nitida e vuole essere presa sul serio nonostante solo 42 CV tra i super atleti. Se questo funziona è chiarito dal test.

Piccolo ma oho

Il primo giro intorno alla moto lo dimostra: Sì, è un super atleta, non c'è dubbio. È bassa e abbassata, l'altezza del sedile misura solo 780 millimetri, quindi la bici può essere utilizzata anche per le persone più piccole per guidare e stare al semaforo. L'ultima revisione ha anche affilato l'ottica. Ora assomiglia al super razzo R1 della Yamaha. La grande presa d'aria nel nuovo rivestimento, che ricorda quella della sorella maggiore, è sorprendente.

imageFoto: BikeReview.info
imageimage

Sporty non è solo PS

Anche il serbatoio da 14 litri è stato rielaborato. È posizionato due centimetri più in basso rispetto al suo predecessore ed è più largo e più piatto per ottimizzare la chiusura del ginocchio. Yamaha ora ha posizionato le estremità del manubrio un po 'più angolate.

Con 42 CV raramente si collega un super atleta, ma si classificherebbe la moto veloce di 190 km/h nella classe media inferiore. Naturalmente, ci deve essere un'offerta per le macchine sportive per i titolari di licenza A2. E così la Yamaha passa all'idea di fare una virtù per necessità. La sportività non è definita qui dalle prestazioni PS, ma dalla sua capacità, come auto-collegata e tuttavia precisa per piegare le curve. Se questo funzionerà verrà visto durante il test drive. L'R3 porta già con sé l'adeguata leggerezza della sua esistenza con soli 169 chili.

Il motore è un bimotore a 321 cilindri cubi. Per ottenere le sue massime prestazioni, deve essere ruotato in cinque cifre, che è considerato appropriato per un super atleta. 42 CV a 10.750 giri/min, anche la coppia massima di 29 Newton è piuttosto tardiva, a 9.000 giri.

Ma ora vai, prova i super atleti.

image

Posizione di seduta variabile

La prima sorpresa arriva subito dopo la seduta: la posizione seduta non è affatto super sportiva come sperato (o temuto, a seconda dell'uso previsto). Ed è variabile: a seconda della posizione del più buono, la posizione seduta cambia considerevolmente. Addominale al serbatoio significa una posizione che ricorda quasi i tourer sportivi. Se spingi il culo all'indietro, sei piatto dietro il disco e pronto per l'Hatz. I poggiapienti alti sono buoni per la libertà dell'inclinazione, ma in combinazione con la macchina a bassa costruzione, sono responsabili di un angolo del ginocchio piuttosto stretto. Se hai gambe lunghe, non lo troverai adatto a lunghe distanze.

La seconda sorpresa arriva dopo l'avvio del motore. Il piccolo bicilindrico suona opportunamente sportivo, ma soprattutto dopo più dei 321 metri cubi esistenti. La prima marcia della trasmissione precisa a sei marce viene inserita con una frizione non esattamente liscia - e si va via.

Finché il due cilindri è freddo, viene effettuata solo una tornitura contenuta. Questo a sua volta significa che è lineare, ma non molto veloce. Dal centro della banda di velocità c'è spinta. Ci piacciono le vibrazioni o l'assenza di questo, mai il piccolo motore sembra teso.

La Yamaha ha raggiunto la temperatura di esercizio, senza fuoco! Determinata, assegni la banda di velocità verso l'alto fino a quando non viene sigillata a 13.000. Questo si adatta, può farlo bene, ma deve farlo. Una volta nella marcia sbagliata e già l'R3 deve tornare in regioni a velocità più elevata. Se vuoi essere veloce, devi guidare e cambiare con precisione, quindi, ma solo allora, si adatta.

In effetti, l'R3 è davvero divertente ora. Ciò è dovuto anche al peso ridotto, che è messo in scena da un ottimo telaio. La piccola macchina da corsa si lancia con grande piacere nelle curve di tutti i raggi e lascia che il pilota con le ginocchia assaggi l'inclinazione libera.

Non ci piace molto i freni. Oggettivamente, ha poco da biasimare. Eppure ci sarebbe piaciuto un po'più di morso per un super atleta. Un secondo disco nella parte anteriore avrebbe aumentato le prestazioni.

Relativamente adatto per l'uso quotidiano

Infine, passiamo alla domanda cruciale: la Yamaha R3 è una super sportiva nonostante solo 42 CV? Sì lo è. Comunque, se non guardai solo la potenza del PS. Grazie al telaio preciso, alle caratteristiche sportive del motore e alla posizione di seduta, è una vera rappresentativa di questa specie.

È anche di più: grazie alla variabilità del posto a sedere, è un compagno capace nella vita di tutti i giorni, e questo dovrebbe covare la maggior parte del suo campo di applicazione.

La moto di prova ci è stata fornita da Motorrad Ruser ad Haseldorf.

Prezzo / Disponibilità / Colori / Anni di costruzione

  • Prezzo: 6.188€
  • Usato (3 anni): 4.500€
  • Anni di costruzione: dal 2014
  • Disponibilità: buona
  • Colori: nero, blu-metallico
Aperto
Vicino
waveform

Pro e Kontra

  • Motore di tornitura
  • Telaio preciso
  • Relativamente adatto per l'uso quotidiano
  • Operazione
  • Solo freno mediocre
Von unserem Team geprüft:

Generale

digitare
Supersport
Eia
6.349 €

Dimensioni

Lunghezza
2.090 mm
Altezza
1.140 mm
Peso
170 kg
Ab. Peso
329 kg
Passo
1.380 mm

Prestazioni e autonomia di guida

Contenuto del serbatoio
14 l
Consumo
3,8 l
Velocità massima
200 km/h

Trasmissione di motori e potenza

Progettazione del motore
Serie a 2 cilindri, 4 tempi
Numero di cilindri
2
Raffreddamento
Liquido
Spostamento
321 ccm
Foro
68 mm
Hub
44,1 mm
Prestazione
42 PS
10.750 U/Min
Coppia
29 NM
9.000 U/Min
Numero di marce
6
Guida
Catena

Sospensioni e freni

Telaio
Telaio tubo ponte
Acciaio
Parte anteriore delle sospensioni
Forcella USD
Viaggio:
130 mm
Viaggio:
125 mm
Freni davanti
Sella flottante a disco singolo a doppio pistone
298 mm
Pneumatici nella parte anteriore
110/70-17M
Freni posteriori
Sella galleggiante monos dischi a pistone singolo
220
Pneumatici posteriori
140/70-17M
Ass
ABS