Ducati - i nobili, belli e veloci da Bologna

image

Siamo onesti: cosa associ al nome Ducati? Motociclette, per lo più rosse, ovviamente. Anche il controllo della valvola desmodromica e, naturalmente, il leggendario motore V2. Va bene, ma come per così tante aziende, alcune di queste cose non sono iniziate fino a tardi del previsto.

Inizia come generatore di radio

Quindi iniziamo: Antonio Ducati e i suoi tre figli Bruno, Adriano e Marcello non costruirono moto nei primi 20 anni, e nel 1926 fecero componenti per le radio. Anche nel 1946, quando le due ruote furono utilizzate per la prima volta, non c'era traccia dei moderni missili superficie-superficie. Il Cucciolo era un motore ausiliario per biciclette. A quel tempo, tuttavia, i fondatori non erano più a bordo - Ducati era sotto amministrazione statale.

Ma lo Stato ha chiaramente ritenuto promettente se Ducati espandesse e rafforzasse questo business. Nel 1953 ducatista fu divisa in Ducati Elettronica S.p.A. e nel costruttore motociclistico Ducati Meccanica S.p.A. per illustrarlo dal punto di vista organizzativo.

L'anno successivo fu molto importante: Fabio Taglioni assunse l'incarico di Direttore Tecnico, carica che avrebbe dovuto mantenere fino al 1989. Si dimostrò influente per ducati quanto il leggendario Giotto Bizzarini per Ferrari e Lamborghini. La decisione di Taglioni fu sia di far funzionare il motore V2 sia, cosa più importante e prima, di utilizzare il controllo della valvola desmodromica. Il suo primo atto è stato un botto. Taglioni risolse il compito di costruire una moto sportiva con il minimo mezzo a tempo di record con l'unica Gran Sport da 100 cc "Marianna".

imageFoto: Ducati
imageimage

Per la prima volta con Desmo

Nella versione da corsa del Gran Sport, sono stati utilizzati i desmodromici. Cos'è? Una breve escursione nella tecnologia: le valvole vengono aperte dall'albero a camme e chiuse di nuovo dalle molle. Nei primi sport e motori da corsa, i materiali deboli spesso causavano svolazzanti di valvole o pause primaverili. La soluzione: con il controllo della valvola desmodromica, questi sono chiusi con la forza e con precisione. Ciò richiede due leve di inclinazione per ogni valvola e un camon aggiuntivo sull'albero a camme per valvola.

In altre parole, questi motori potrebbero diventare pazzi per l'epoca, ma con costi di produzione notevolmente aumentati. Fabio Taglioni è riuscito a rendere questa tecnica affidabile e conveniente. Tuttavia, l'uso della desmodromica è ancora piuttosto costoso oggi. Nelle moto da corsa Ducati ("Desmosedici") vengono trascorse solo sette ore a regolare le valvole. E ancora oggi, ci si può aspettare che le moto di produzione Ducati incorressero in maggiori costi di manutenzione.

Come quasi tutte le case motociclisti e automobilistiche italiane, Ducati ha subito più volte il fallimento, è stata presa in consegna, è diventata un oggetto speculativo e fondamentalmente riorientata. Una breve escursione nella storia mutevole dei proprietari: nel 1983, ducati dovette fare squadra con il produttore italiano di due ruote Cagiva, che acquistò completamente Ducati nel 1985.

image

Viva lo sport

Cagiva ha lottato con i propri problemi di pagamento 11 anni dopo e ha venduto solo il 51% delle sue azioni Ducati all'American Texas Pacific Group nel 1996, e nel 1998 ha venduto tutto. Nel 2005, la Società Italiana Investindustrial ha acquisito le azioni di Texas Pacific Group e le ha cedute ad Audi (attraverso la sua seconda controllata italiana, Lamborghini) nel 2012.

Ducati ha costruito una serie di macchine accattivanti nella sua storia. Il DNA dell'azienda è da sempre un posizionamento sportivo o estremamente sportivo delle macchine. La Ducati 851 è rappresentativa di molti altri. Prima di questo modello, una moto con queste prestazioni come A V2 era inimmaginabile. Di conseguenza, Ducati ha successivamente declassificato la classe di corse Superbike con lei.

Ampliamento della base clienti

La leggendaria Ducati 916 del 1994 appartiene alla stessa categoria, che ora è considerata un classico del design oltre alle sue incredibili prestazioni di guida (per l'epoca). In questo periodo, i produttori Ducati si resero conto che concentrarsi sui super atleti avrebbe portato a un vicolo cieco. La gamma di modelli è stata ampliata con la forza, ad esempio nel 1993 per includere la serie di mostri ancora costruita e che forma lo stile. Oggi, la gamma di modelli Ducati comprende superbike (Paningale), tourer sportivi (SuperSport), anche enduro da viaggio (Multistrada) e oltre ai mostri affermati anche un elicottero (Diavel).

Al 1° gennaio 2016 sono state immatricolate in Germania 74.741 moto Ducati, con una quota dell'1,8%. Nel 2016 la produzione è stata di circa 55.000 unità all'anno, con un conseguente aumento delle vendite di 731 milioni di euro.

Dati

  • Orientamento: Sport
  • Fondazione: 1926
  • Modello leggendario: 916
Aperto
Vicino
Foto: Ducati

Ducati Redline:

Notizie

La Kawasaki Z650 è stata per anni una delle moto più vendute in Germania. Per l'anno di modello 2020, Kawasaki ha
La Kawasaki Z650 è stata per anni una delle moto più vendute in Germania. Per l'anno di modello 2020, Kawasaki ha
Foto: Ducati

Ducati solida e redditizia

Blog

La Kawasaki Z650 è stata per anni una delle moto più vendute in Germania. Per l'anno di modello 2020, Kawasaki ha
La Kawasaki Z650 è stata per anni una delle moto più vendute in Germania. Per l'anno di modello 2020, Kawasaki ha

Al via la produzione del nuovo Ducati Monster

Notizie

La Kawasaki Z650 è stata per anni una delle moto più vendute in Germania. Per l'anno di modello 2020, Kawasaki ha
La Kawasaki Z650 è stata per anni una delle moto più vendute in Germania. Per l'anno di modello 2020, Kawasaki ha
Foto: BikeReview.info

Ducati Multistrada V4S

Recensione

La Kawasaki Z650 è stata per anni una delle moto più vendute in Germania. Per l'anno di modello 2020, Kawasaki ha
La Kawasaki Z650 è stata per anni una delle moto più vendute in Germania. Per l'anno di modello 2020, Kawasaki ha

Ducati Multistrada V4

Notizie

La Kawasaki Z650 è stata per anni una delle moto più vendute in Germania. Per l'anno di modello 2020, Kawasaki ha
La Kawasaki Z650 è stata per anni una delle moto più vendute in Germania. Per l'anno di modello 2020, Kawasaki ha