Aprilia Tuono 660

Aprilia Tuono 660 in prova

Rasoio dal tipico carattere italiano

Aprilia Tuono 660 FrontansichtFoto: BikeReview.info

Magnifica, l'Aprilia Tuono 660 è un vero italiano. Con angoli e bordi, troppo divergenti, ma sempre con carattere e mai arbitrari. Quindi vogliamo motociclette, non una cosa, ma un'affermazione pura: #be un pilota!

Tunos è in circolazione da Aprilia dal 2002. La ricetta è sempre la stessa: costruire un pilota (in questo caso la RS 660), togliere il rivestimento e sollevare e allargare il manubrio - la naked bike chiamata Tuono è pronta. A proposito, questo non traduce il tonno (saluti a 1000PS Zonko), ma tuona. Ed è esattamente quello che sembra, ma più avanti. A nostro avviso, il Tuono 660 non è una vera naked bike, ma il rivestimento a mezza conchiglia e il disco bikini sono un po 'troppo presenti. Ma non importa, sembra semplicemente sbalorditivo - anche grazie al disco bikini e alla mezza conchiglia!

Ecco come sta

La passeggiata intorno alla moto offre una vista invariabilmente bella. Magnifico telaio a ponte, bello da guardare il forcellone a due braccetto e un design attraente della lampada nella parte anteriore e posteriore. Il tutto si guarnise con cerchi rosso brillante e uno scarico a stub, nonché un serbatoio largo e sottile che corre verso il basso. Questo ricorda sorprendentemente l'MT-09 della Yamaha, ma in qualche modo è più italiano all'Aprilia. Design puoi fermare il Junx e le ragazze di Noale.

Ok, allora sediamoci sul Tuono 660. Sebbene la macchina sia piuttosto piccola secondo la scheda tecnica (passo solo 1,37 m), Dietmar ha abbastanza spazio con i suoi 1,84 m. Se ti siedi piuttosto che sulla macchina, la posizione seduta è verticale come un combattente. I poggiapiede sono un po ' alti, ma non così alti e molto indietro come con la RS 660. La macchina pesa solo 183 kg (completamente alimentata!) e può quindi essere classificata con super leggerezza. Preferiamo coprire il mantello del silenzio sul comfort del sole - non è così dolle. Ma chi per favore compra un Aprilia per spostarsi nella zona per due. Dopotutto, la macchina presenta anche "Aprilia Racing" e non "Aprilia Comfort Travel". Quindi Volker, vattene in fretta, voglio andare!
LenkerCockpitMotor

Questo è ciò che dovrebbe essere in grado di fare

Il Tuono 660 ha un display a colori TFT piuttosto piccolo, che sembra anche un po 'giocoso. Ci sono Ride by Wire e cinque modalità di guida, tre delle quali sono per la strada e due per la pista. Una modalità strada si chiama "Individuale" e mantiene ciò che promette: è possibile impostare cinque parametri: potenza, trazione, freno motore, controllo wheelie e ABS. Non male per una bici nuda della classe media. In serie c'è anche un cruise control (!), opzionalmente c'è anche un IMU multi asse per il controllo della posizione inclinata.

Aprilia è anche in pieno svolgimento quando si tratta di sistemi frenanti. La parte anteriore e posteriore Brembos funzionano in modo eccellente e hanno un facile gioco con il peso leggero del Tuono. Il freno sta mordendo e ancora facile da dosare, la macchina è immediatamente al comando quando deve essere.

Per inciso, anche il parabrezza del piccolo disco bikini funziona sorprendentemente bene. Il casco giace completamente nel vento senza turbolenze e spalle e busto sono vicini al libero dalla pressione del vento.

Die Aprilia Tuono 660 im TestFoto: BikeReview.info
 

È così che si guida

Basta con la teoria, ora siamo fuori. Non appena inizi, senti subito, qualcuno vuole andare avanti! Come gli italiani riescono a far passare la loro macchina attraverso l'approvazione di Euro 5 rimane un mistero per noi per sempre. Il suono è simile a un vecchio Ducati Monster (soundcheck in alto a destra). Il gemello di fila fa un perno di sollevamento di 270 gradi sfalsato a V2 e almeno quando dai gas, diventa molto rumoroso! Ma non solo il volume è accattivante, ma anche il sound design ha un grande successo.
 
I primi metri con l'Aprilia Tuono 660 sono sorprendenti: la macchina è più accessibile del previsto. L'accettazione del gas nelle due modalità "Commute" e "Dynamics" è adatta ai principianti, solo in modalità individuale diventa più diretta e un po 'più irrequieta. Le differenze nelle modalità di guida sono immediatamente evidenti , a differenza di molte altre motociclette. Dal morbido e addomesticato al grezzo e ruvido, tutto è lì. Pensiamo che sia fantastico e i veri piloti vengono immediatamente premiati con un vero feeling Aprilia nella modalità più nitida.
 
Il Tuono colpisce per il suo telaio super agile ed è affilato come un rasoio. Ci ricorda molto il comportamento di guida del KTM 890 Duke R. Una volta trovato, il rasoio Aprilia segue attraverso la curva. "Sii un pilota", con il Tuono nessun problema. Non va bene come un Triumph Street Triple, ma ilsuo carattere leggermente più crudo ci eccita ancora. Come spesso accade, i 95 CV risultano essere completamente sufficienti e rendono la macchina A2 compatibile con l'acceleratore. Non è una brutta mossa da Aprilia, perché il gruppo target per questa moto dovrebbe essere abbastanza giovane - e non vuoi comprare una nuova macchina ogni 2 anni.

Accelerazione e passaggio dell'Aprilia Tuono 660 sono comuni in classe, ma in qualche modo si sentono meglio o più velocemente. Ciò è probabilmente dovuto al suono onnipresente. Il telaio Kayaba (palco del treno e precaricamento anteriore e posteriore regolabile) fa un lavoro super sportivo senza assaporare il comfort. Lo stesso vale per la Pirelli Diablo Rosso Corsa II, non esattamente una gomma economica.

Conclusione: cosa rimane bloccato

Tu Aprilia Tuono 660 mantiene quello che promette. È una bici nuda sportiva-vivace con gaaaanz un sacco di carattere. Il prezzo di 10.500 euro è piuttosto ambizioso, soprattutto rispetto alla sorella RS 660, dove la QuickShifter è in produzione in serie. Nonostante il supplemento di 219 Euro su questa moto consigliamo vivamente la QuickShifter, perché si adatta a) a questa moto e perché b) il cambio a 6 marce è un po 'disossato e agganciato.
 
Il Tuono non ti lascia freddo, non è perfetto e questa è una buona cosa. Ogni corsa diventa un'esperienza e un design, così come il volume lascia che un motociclista Tuono si dista dalla massa : la bici!

La bici di prova ci è stata fornita da Zweirad-Technik-Schielmann a Bokel - grazie mille.

Prezzo/Disponibilità/Colori/Anni di Costruzione

  • Prezzo: 10.550 €
  • Disponibilità: dal 2021
  • Colori: grigio, nero, oro
Aperto
Vicino
waveform

Pro e Kontra

  • maneggevolezza molto agile
  • telaio affilato come un rasoio
  • piacevole posizione seduta, manubrio alto e largo
  • buone attrezzature
  • leggermente troppo costoso rispetto alla concorrenza
  • limitata idoneità per il futuro
  • Display nella cabina di pilotaggio un po 'piccoli
Von unserem Team geprüft:

Generale

digitare
Nudo
Eia
€10.550

Dimensioni

Lunghezza
1.995 mm
Peso
183 kg
posto a sedere
820 mm
Passo
1.370 mm

Prestazioni e autonomia di guida

Contenuto del serbatoio
15 l

Trasmissione di motori e potenza

Progettazione del motore
Motori in linea a quattro tempi a due cilindri
Numero di cilindri
2
Raffreddamento
Piedi
Spostamento
659 cc
Foro
81 mm
Hub
64 mm
Prestazione
95 CV
Coppia
67 NM
Numero di marce
6
Guida
Catena

Sospensioni e freni

Telaio
Telaio del ponte
Parte anteriore delle sospensioni
Forcella Kayaba USD 41 mm
Viaggio:
120 mm
Puntone posteriore
Gamba in piuma monopi piuma Kayaba
Viaggio:
130 mm
Posteriore sospeso
Alluminio oscillante a due braccetto
Freni davanti
Doppio disco, pinza fissa a quattro pistoni Brembo
320 mm
Pneumatici nella parte anteriore
120/70 ZR 17
Freni posteriori
Discoteca, freno a pinza fissa a due pistoni, Brembo
220
Pneumatici posteriori
180/55 ZR 17

Ulteriori prove

KTM SMC R 690

Recensione

Oltre agli anni '900 retrò chiamati Z900RS, Kawasaki ha anche la forma moderna nella sua gamma, e
Oltre agli anni '900 retrò chiamati Z900RS, Kawasaki ha anche la forma moderna nella sua gamma, e

Honda Africa Twin in test

Recensione

Oltre agli anni '900 retrò chiamati Z900RS, Kawasaki ha anche la forma moderna nella sua gamma, e
Oltre agli anni '900 retrò chiamati Z900RS, Kawasaki ha anche la forma moderna nella sua gamma, e
Foto: Dietmar

Prova Triumph Tiger 800

Recensione

Oltre agli anni '900 retrò chiamati Z900RS, Kawasaki ha anche la forma moderna nella sua gamma, e
Oltre agli anni '900 retrò chiamati Z900RS, Kawasaki ha anche la forma moderna nella sua gamma, e
Foto: BikeReview.info

Razzo Triumph 3

Recensione

Oltre agli anni '900 retrò chiamati Z900RS, Kawasaki ha anche la forma moderna nella sua gamma, e
Oltre agli anni '900 retrò chiamati Z900RS, Kawasaki ha anche la forma moderna nella sua gamma, e