Triumph Tiger 900 Rally Pro

Recensione: Triumph Tiger 900 Rally Pro (Baujahr 2020)

Grazia, ritmo e stile

imageFoto: Motorradtest.de

Triumph ha completamente rinnovato la sua enduro da viaggio di fascia media e sta inviando al Tiger 900 un ferro caldo nella battaglia per la quota di mercato. Grace, Pace e Style: il vecchio motto Jaguar significa grazioso, veloce ed elegante, si adatta agli inglesi?

Tutto reale

Beh, è di fronte a te. Di lato spiccano l'insolita cornice bianca e il verde opaco. Se guardi accanto alla bici e guardi avanti, l'unità piuttosto grande di serbatoio e gambo attira l'attenzione. Il 900 dovrebbe solo aggiungere una versione più debole alle 1200 tigri piuttosto accoglienti e molto confortevoli? Lo scopriremo subito, prima di tutto un giro intorno alla moto.

Esaminare sguardi e bussare conferma: tutto ciò che sembra alluminio è realizzato in alluminio. Non c'è parte di rivestimento seduta storta, tutto sembra ordinato e di alta qualità. La regolazione dell'altezza del sedile è ingegnosa. Basta sollevare la parte anteriore della panca, implementare un piccolo tubo, pronto. Se tecnicamente sei completamente inesorabile, ci vogliono 31 secondi, tutti gli altri 30. Perché non lo fanno tutti?

imageimageimage

Nessuno prende l'attrezzatura del contabile

Allora diamo un'occhiata più da vicino. Quindi di fronte a noi c'è il Triumph Tiger 900 Rally Pro. Nell'attrezzatura del commercialista costa 11.350 euro. Completamente pompato con extra come qui, costa ben 15.300, che è davvero il limite di quella che può essere definita classe media. Ma al trionfo non manca davvero un solo extra che hai visto altrove e che vorresti avere. Fendinebbia? Verifica. Riscaldamento del sedile separato per il passeggero? Verifica. Ripristino automatico del paraocchi? Verifica. Quindi questo potrebbe andare avanti per sempre, manca solo l'aria condizionata.

Eppure, ci deve essere una piccola presa in giro, perché il trionfo è un pareggio. La solida protezione da underrun, il nome "Rally Pro" e le barre di protezione del motore indicano un aumento delle qualità fuoristrada. Se vuoi provarlo, devi ri-maturare, perché di serie ci sono buoni pneumatici da strada. E allora?

Questo è abbastanza per la teoria, andiamo.

image

Agile e agile

Prima di partire, dobbiamo chiarire brevemente l'operazione. A prima vista, ci sono molti pulsanti che vengono premuti, cambia i joystick inclinati e che possono essere tirati. Ma a un secondo sguardo la rabbia si chiarisce, la gioia viene fuori sul terzo. Il display in quanto tale è brillante, nemmeno la retroilluminazione dura offusca la leggibilità. Ma anche le impostazioni delle diverse modalità di guida sono rapidamente comprese, anche una connessione per il controllo di una action cam GoPro è disponibile. Non trovato a prima vista, ma certamente di serie, è il pulsante di chiamata rapida per connettersi con il tenente Uhura dall'astronave aziendale.

Quindi, tutto lì, andiamo. Piccola disillusione: per le persone a gambe corte come l'autore, anche l'abbassamento dell'altezza del sedile da 870 a 850 millimetri aiuta solo in misura limitata, per le persone molto più piccole questo è piuttosto nulla – poiché quasi tutte le bici da avventura cadono dalla griglia. Per questo, tutte le persone che si assumono come socievole o socia hanno disegnato il premio principale: il comfort in seconda fila non è solo a causa del riscaldamento separato del sedile 1a, c'è molto spazio.

Il Triumph Tiger 900 non è un ulteriore sviluppo dell'800, ma in realtà una nuova costruzione quasi completa. Questo è assicurato perché la potenza nominale è rimasta la stessa a 95 CV. Ma il tre cilindri – non debole in anticipo – riproduce la sua maggiore potenza nella gamma a bassa e media velocità, senza apparire in qualche modo allacciato in alto. Procede in modo estremamente potente in ogni situazione della vita.

Certo, il 1200 ha più vapore in ogni situazione. Ma c'è una differenza significativa che può trasformare la marea nel 900. Anche se il 900 ha viaggi primaverili molto lunghi e quindi ha un ottimo comfort di guida. Che si tratti di ciottoli, articolazioni incrociate corte, le tigri livellano la luce. Rispetto al "grande" trionfo, la ruota anteriore è altrettanto grande a 21 pollici. Ecco perché è sorprendente quanto sia agile il 900. Si ritiene che siano due classi più maneggevole, senza comprarlo con durezza apparentemente sportiva o una cattiva linea retta.

Il parabrezza è ok con il suo piccolo disco, ma non molto di più. Naturalmente, la protezione ideale dipende dalle dimensioni del pilota, dalla forma del casco e da altre 1001 cose. I piccoli lembi sul lato dello scudo trasparente e regolabile possono aiutare, ma ci sono lievi turbolenze.

Anche le orecchie non sono trascurate. Il tre cilindri suona come il centro dorato di V2 scosceso e quattro cilindri setosi. Il Quickshifter, che funziona perfettamente su e giù: un piccolo jerk è chiaramente evidente quando si cambia, ma rispetto alla concorrenza tedesca, questo è liscio.

Elegante e veloce

E così abbiamo: Il Triumph Tiger 900 Rally Pro è una moto incredibilmente liscia. È, molto sicura di sé. E ha anche un debole per i dettagli: il supporto laterale è realizzato in alluminio di alta qualità. Nessuno ha mai pensato a quanto possa essere prezioso un supporto laterale, ma è elegante.

Ups - Grazia, Pace e Stile. Si adatta facilmente.

La moto di prova ci è stata fornita da Triumph Hamburg.

Prezzo / Colori / Anni di costruzione

  • Prezzo: a partire da 11.350€
  • Anni costruiti: 2 dal 2020
  • Colori: kaki-verde, bianco, nero
Aperto
Vicino
waveform

Pro e Kontra

  • Qualità dei materiali
  • Comfort
  • Motore di tutti i giorni
  • Comfort sociano
  • Prezzo

Nuove immatricolazioni della Tiger 900 Rally Pro

Wettbewerber einblenden
Caricamento grafico in titolo...

Nuove immatricolazioni della Tiger 900 Rally Pro

Wettbewerber ausblenden
Caricamento grafico in titolo...
Von unserem Team geprüft:

Generale

digitare
Avventura
Eia
€15.450

Dimensioni

Lunghezza
2.220 mm
Altezza
1.410 mm
Peso
225 kg
posto a sedere
850 mm
Passo
1.556 mm

Prestazioni e autonomia di guida

Da 0 a 100
3,9 s
Da 60 a 100
3,9 s
Contenuto del serbatoio
20 l
Consumo
5,2 l
Gamma
385 km
Velocità massima
210 km/h

Trasmissione di motori e potenza

Progettazione del motore
Motori in linea 12V DOHC a tre cilindri
Numero di cilindri
3
Raffreddamento
Liquido
Spostamento
888 cc
Foro
78 mm
Hub
61,9 mm
Prestazione
95 CV
Coppia
87 NM
Numero di marce
6
Guida
Catena o-ring

Sospensioni e freni

Telaio
Telaio tubo in acciaio, telaio posteriore avvitato
Parte anteriore delle sospensioni
Forcella capovolta Showa da 45 mm, precarico regolabile manualmente, smorzamento della tensione e del livello di pressione
Viaggio:
240 mm
Puntone posteriore
Showa gamba centrale a molla, precarico regolabile manualmente e partemento dello stadio di trazione
Viaggio:
230 mm
Posteriore sospeso
Forcellone un due braccetto in metallo leggero
Freni davanti
Pinze monoblocco Brembo Stylema monoblocco a 4 pistoncini
320 mm
Pneumatici nella parte anteriore
90/90-21
Freni posteriori
Sella galleggiante a pistone singolo Brembo
255
Pneumatici posteriori
150/70R17
Ass
Curva ABS con pi' modalit

Ulteriori prove

Foto: Dietmar

Tigre trionfale 1200

Recensione

Oltre agli anni '900 retrò chiamati Z900RS, Kawasaki ha anche la forma moderna nella sua gamma, e
Oltre agli anni '900 retrò chiamati Z900RS, Kawasaki ha anche la forma moderna nella sua gamma, e
Foto: Dietmar

Prova Triumph Tiger 800

Recensione

Oltre agli anni '900 retrò chiamati Z900RS, Kawasaki ha anche la forma moderna nella sua gamma, e
Oltre agli anni '900 retrò chiamati Z900RS, Kawasaki ha anche la forma moderna nella sua gamma, e

Triumph Tiger 1050 Sport

Recensione

Oltre agli anni '900 retrò chiamati Z900RS, Kawasaki ha anche la forma moderna nella sua gamma, e
Oltre agli anni '900 retrò chiamati Z900RS, Kawasaki ha anche la forma moderna nella sua gamma, e