Triumph Tiger Sport 1050

Recensione: Triumph Tiger 1050 Sport (Baujahr 2016)

Gatto per il lungo tour

imageQuello che il SUV dell'automobilista è per il motociclista la sua moto d'avventura. In qualche modo dovrebbero essere in grado di fare tutto. Volevamo saperne di più e abbiamo portato in pista un Triumph Tiger 1050 Sport usato dall'anno settembre 2016.

Primo contatto con la tigre

È lì in piedi, le tigri. Nessuno dei due anni, né i circa 14.000 chilometri. Questo dà alcuni vantaggi nella nota B, perché con alcuni modelli concorrenti la prima impressione è molto peggiore.
Ma cosa vuole essere triumph? Dal momento che non tutti sono intelligenti come i nostri lettori, gli inglesi ovviamente volevano renderlo comprensibile a tutti. In nome della moto, quindi, non solo il più grande grande gatto del nostro pianeta è nascosto, ma anche il termine sport. È possibile che il trionfo tenda allo sport? Sì, esatto! Ma ci arrivaremo più tardi.
Il 1050 è praticamente il modello centrale della serie, c'è ancora un 800 e il 1200. Il nostro ha circa due anni, quindi ha l'attuale lifting. Triumph vuole apportare 100 miglioramenti al solo motore, incluso un sistema ride-by-wire. Prima del primo turno chiave chiarire rapidamente la cosa più importante: computer di bordo con le solite funzionalità? Verifica. Panca ampia e confortevole per il grande tour? Verifica. Disco regolabile? Verifica. 126 CV, tutti ancora disponibili? Diamo un'occhiata.
imageimageimage

Il trionfo sulla strada

Andiamo. Ad un'altezza di 83 centimetri, uno si trova piuttosto basso rispetto ad altre moto d'avventura come la Multistrada di Ducati, ma solo in questo confronto. Per le gambe corte, questo non è niente.
D'altra parte, nessuno ha bisogno di portare le forze dell'orso all'inizio per l'operazione, perché la prima impressione quando si parte durerà per l'intero test: frizione e cambio funzionano in modo molto fluido e preciso. In generale, la maneggevolezza del Triumph Tiger 1050 Sport è caratterizzata da una leggerezza quasi sorprendente.
La differenza tra la guida e la prima aspettativa è sorprendente perché il trionfo non dà la moto twiggy. Il suo design non è né delicato, né è particolarmente leggero a 241 chili di peso vivo. Sulla strada, dalle protezioni per le mani al parabrezza, il pilota ha sempre un sacco di motociclette intorno a lui.
Il tour Triumph può essere fatto? In termini di comfort, la panca non solo sembra comoda, ma lo è. Anche la Socius non inizierà a gemere dopo 100 chilometri. Il parabrezza è regolabile in altezza e ha offerto una buona protezione durante il nostro test. Anche l'angolo del ginocchio e la posizione seduta si adattano. Inoltre sì: è possibile impostare tre modalità di guida tramite il computer di bordo, il precarico è regolabile tutto intorno. Tutti dovrebbero trovare qualcosa lì. Quindi l'avventura è proprio dietro la prossima collina? No, sicuramente no.

image

Così tanto sport e tigri sono bloccati in esso

La collina più vicina è troppo lontana. L'avventura inizia immediatamente e senza lasciare traccia. Tutto quello che devi fare è aprire il rubinetto del gas e sapere cosa significasse Triumph con il termine sport a tuo nome. I 126 CV del motore a tre cilindri riportano completamente al lavoro (0-100 km/h: 3,5 secondi) e sale a 10.000 giri. La donna britannica si batte sempre per una versione, la risposta ultra-brutale di una Ducati, ad esempio, può e non vuole offrirla.
Soprattutto, possono essere anche i 104 Newton metri di coppia a soli 4.300 giri/min a spingere il trionfo in avanti. La guida a bassa velocità può anche essere la tigre (60-100 km/h: 3,1 secondi).

Conclusione: cosa rimane bloccato

Non fraintendete: può farlo con il tour, ma non è proprio la sua natura. Ogni moto d'avventura è un compromesso, il trionfo tende chiaramente allo sport. Insieme a questa certa facilità di servizio e a tutto il comportamento di guida, rende facile per i ciclisti itineranti ancora meno esperti esplorare il mondo in modo rilassato. Eppure questi non sarebbero i giusti piloti dei Tigers.
I vantaggi del trionfo sono meglio goduti dal motociclista, che vuole guidare sportivamente. Tutto il resto è per il grande gatto, perché nonostante la buona coppia, il Triumph Tiger 1050 Sport incoraggia a inviare i poggiapiede verso il catrame invece di gondolare attraverso l'area con il cruise control standard.
Per la città non è nemmeno la prima scelta, inizia con l'ampio manubrio e non si ferma con il rivestimento.
Chi vuole la tigre e lo sport, in fretta fino al traguardo e dal momento che divertirsi molto - per favore molto, il trionfo è pronto.

La moto di prova è stata gentilmente fornita da Motorrad Ruser. Può essere acquistato lì come modello usato per 9.990 euro.

Prezzo/Disponibilità/Colori/Anni di Costruzione

  • Prezzo: 12.600 Euro
  • Usato (2 anni): 9.500 euro
  • Anni di costruzione: dal 2007 (Tiger 1050)
  • Colori: nero opaco, argento alluminio
Aperto
Vicino
waveform

Zubehör für die
Tiger Sport 1050

NEW
  • Moneta
  • Polo
  • Amazon

Pro e Kontra

  • Potenza e coppia
  • Facile da usare
  • Elaborazione
  • Idoneità touring
  • Prezzo
  • Non molto utile

Nuove immatricolazioni della Tiger Sport 1050

Wettbewerber einblenden
Caricamento grafico in titolo...

Nuove immatricolazioni della Tiger Sport 1050

Wettbewerber ausblenden
Caricamento grafico in titolo...
Von unserem Team geprüft:

Generale

digitare
Crossover
Eia
13.250 €

Dimensioni

Lunghezza
2.150 mm
Altezza
1.330 mm
Peso
241 kg
Ab. Peso
457 kg
posto a sedere
830 mm
Passo
1.540 mm

Prestazioni e autonomia di guida

Da 0 a 100
3,5 s
Da 60 a 100
3.1 s
Contenuto del serbatoio
20 l
Consumo
5,2 l
Gamma
385 km
Velocità massima
220 km/h

Trasmissione di motori e potenza

Progettazione del motore
Motori in linea 3 cilindri 12V DOHC
Numero di cilindri
3
Raffreddamento
Liquido
Spostamento
1.050 cc
Foro
79 mm
Hub
71,4 mm
Prestazione
126 CV
Coppia
106 NM
Numero di marce
6
Guida
Catena ad anello X

Sospensioni e freni

Telaio
Telaio a ponte a doppio tubo
Parte anteriore delle sospensioni
Forcella Showa Capovolta da 43 mm con precarico regolabile e smorzamento del livello di pressione
Viaggio:
140 mm
Puntone posteriore
Showa Monoshock con precarico regolabile e l'unione della tensione
Viaggio:
155 mm
Posteriore sospeso
Forcellone a braccio singolo in metallo leggero con eccentrico meccanismo di bloccaggio a catena
Freni davanti
Disco freno doppio montato flottante, pinze radiali Nissin a 4 pistoncini
320 mm
Pneumatici nella parte anteriore
120/70 ZR17
Freni posteriori
Discoteca singolo, pinza freno a doppio pistone Nissin
255
Pneumatici posteriori
180/55 ZR17
Ass
Abs

Ulteriori prove