Honda VFR 800

Recensione: Honda VFR 800 (Baujahr 2002)

Il nostro gioiello in azione

imageFoto: BikeReview.info

In otto video di accumulo più una striscia bike-porn del nostro canale video, la Honda VFR dell'anno 2002 è stata l'attrice principale. Che cosa abbiamo fatto per portarli fino all'ultimo dei due tecnicamente e visivamente! Ora è il momento: la moto di 18 anni può convincere nel test?

I tourer sportivi sono fuori moda

Dobbiamo lodarci: è bellissimo. Dipinti di recente in questo rosso metallico non troppo brillante e i cerchi dorati, che sta bene. Il nuovo colore da solo, tuttavia, non mette in ombra i difetti di design, ma il nostro è già l'elegante modello di lifting. A differenza del suo predecessore sobrio, Honda ha dato gas qui: la V formativa è onnipresente come elemento di design. Ad esempio, sotto forma di fari, fari posteriori o prese d'aria nel rivestimento completo. Questo si adatta!

È una tourer sportiva, all'epoca era di moda. Non così duro e scomodo come un super atleta, ma buono per il giro veloce e adatto per viaggiare. Oggi, questi modelli sono quasi completamente estinti e se esistono come la Ducati Super Sport,non entrano nelle prime 50 statistiche di approvazione. Le onnipresenti moto d'avventura le hanno superate da tempo.

imageimageimage

L'aveva potenziale

Ma, come ho detto, l'abbiamo scelta spontaneamente quando l'abbiamo vista a Kaltenkirchen, vicino ad Amburgo. A prima vista, stava lì tristemente, in argento con finiture rosse che sono state successivamente coltivate in modo poco attraente. Aveva quasi 70.000 chilometri di tempo, non molto per una Honda. Sospettavamo un buon nucleo sotto il guscio triste, e avevamo ragione. 1.600 euro passarono di mano. Non ci sono stati gravi danni meccanici, tecnicamente non abbiamo dovuto fare molto che sarebbe andato oltre una grande ispezione annuale. La maggior parte del tempo andò in smontaggio per la pittura e la successiva costruzione. In totale, la costruzione sarebbe costata 4.695 euro (vedi rendiconto dei costi alla fine).

Ma perché il V e perché scegliere un VFR? Ci sono una serie di ragioni per questo, tra cui il nobile lignaggio della nostra bici. È tecnicamente strettamente imparentato con la RVF 750, e questa moto non è altro che il (allora) modello di omologazione per il Campionato mondiale Superbike. L'abbreviazione RVF è suddivisa in R per Racing, V per il motore a V e F per quattro (quattro). E il nostro VFR ha anche il motore V4 da 109 CV sotto il rivestimento. Ha un dettaglio tecnico, che prima causa sorpresa ed entusiasmo durante i test drive: la Honda ha un controllo idraulico della valvola. Fino a circa 7.000 tour, il motore funziona come una due valvole, sopra di esso come una quattro valvole ("V4-VTEC-System").

Basta parlare, ciò che conta è sulla strada.

image

A 7.000 è di nuovo spento

Erano ancora tempi: nel mezzo, il contagiri analogico è inequivocabilmente decorato. I piloti Porsche conoscono questo accordo dalla loro 911. Qualsiasi cosa diversa dalla velocità sembra irrilevante ed è quindi esternalizzato a piccoli ma facili display TFT: tachimetro e visualizzazione della temperatura a sinistra, serbatoio e orologio, nonché due contatori giornalieri e un chilometro totale a destra del contagiri.

La salita è facile, la posizione seduta piuttosto sportiva. Questo è sorprendente perché il nostro VFR ha non solo un manubrio più ampio ma anche montato più in alto. Se fossero i ceppi standard, il tutto aumenterebbe. Quindi chiaramente più sport che tourer in termini di posizione seduta, ma che avrebbe potuto essere immaginato con i geni.

Il suono è feroce, ma non prolide. Ciò è dovuto al fatto che il motore produce molti rumori meccanici, ma anche, naturalmente, al sistema di scarico degli accessori laser. Sembra fantastico, e i quattro tubi sotto il sedile sembrano omimibili. Se avessimo un pre-modello del VFR (dal 1998 al 2001), gli ingranaggi dell'azionamento dell'albero a camme sarebbero ascoltati con un forte fischio, ma il nostro ha l'azionamento a catena (che è più economico da riparare). Ora vai prima che i vicini annuncino la nostra amicizia. Qui puoi confrontare il suono del sistema della serie con il nostro scarico.

Va bene se il VFR può andare subito. È brutto quando deve essere classificato. Non solo il cerchio di svolta è molto grande, non è una ragazza facile a 249 chili.

Ma facile da usare. Potenza della mano per la frizione? Gestibile. Trasmissioni? Liscio e preciso, anche dopo 70.000 chilometri. Honda. Anche la luce è molto buona. Ora stiamo spingendo per strada, il che è per due motivi: in primo luogo, è divertente, e in secondo luogo, non si vede nulla sul retro comunque, quindi vattene qui. Abbiamo installato due specchi accessori al posto degli specchi standard, ma il risultato è solo marginalmente migliore: la considerazione è e rimane negativa.

C'è un chiaro rischio di dipendenza durante la guida - meglio: quando si scopre. Con 7.000 tour, non c'è solo il limite tra il funzionamento a due e quattro valvole, ma anche tra il bene e il male. Il lato oscuro del potere si riflette in un improvviso scoppio di prestazioni. Ad esempio, i primi motori turbo hanno reagito: niente in basso, i Luzie che si sono spenti in alto. Con la differenza che il VFR sottostante non è affatto zoppo. Piccola goccia di malinconia: il sistema V4-VTEC non solo fornisce prestazioni, ma anche vibrazioni evidenti nella panca altrimenti confortevole.

Sperimentare l'improvviso aumento delle prestazioni è divertente e, tra l'altro, si riduce significativamente con una nuova manutenzione del modello nel 2006 : preferiamo la nostra, semplicemente per il fattore divertimento. Questo dovrebbe essere goduto preferibilmente in buone condizioni stradali, perché la Honda non ha alcun controllo di trazione. In generale, non ci sono aiutanti elettronici a parte un semplice ABS.

Questa non è una sorpresa con moto così vecchie. Il comfort di guida della honda pesante è buono, è sempre ben posizionato sulla strada. Se le prime moto elettriche giapponesi avevano la reputazione di avere buoni motori ma telai lassisti, questo non è il caso del VFR. Si guida con precisione, così oggi può facilmente tenere il passo. Questo vale anche per l'ottimo sistema frenante. Buono da dosare, mordendo potentemente, va benissimo.

Costoso, ma sempre indietro

Cosa rimane? Senza sponsor, sarebbe stato un affare piuttosto costoso, in quanto ci sono offerte più economiche in rete. Eppure siamo contenti di aver osato questo esperimento: la Honda è troppo buona per non provarlo. Il nostro consiglio a tutti coloro che possono fare amicizia con un tourer sportivo: Sicuramente shortlist!

Questa era la parte emotiva del nostro cervello, ma la verità è che questi costi non possono essere recuperati da una vendita. Ma non importa cosa facciamo con il VFR, non abbiamo ancora deciso. Ci piace solo :)

Che è costato il divertimento, tutti i numeri in euro:
Moto: 1.600
TÜV: 80 anni
Batteria: 100
Pastiglie freno e filtri dell'aria: 230
Filtri olio e olio: 40
Paraocchi anteriori: 62
Candele: 146
Lampada alogena 40
Soffitti cisterna: 20

In totale sono 2.318 euro. A tal fine, abbiamo ricevuto servizi dagli sponsor. Per i nuovi pneumatici Michelin, leve e specchi LSL e la verniciatura sarebbero stati dovuti altri 2.377 euro, per cui si sarebbero dovuti 4.695 euro.

Prezzo / Disponibilità / Colori / Anni di costruzione

  • Prezzo: 12.240€ (2002)
  • Utilizzato a partire da circa 1.500 €
  • Anni costruiti: Modello RC46II 2002-2010
  • Disponibilità: buona
Aperto
Vicino
waveform

Pro e Kontra

  • Motore sportivo
  • Buon comfort
  • Freni di imballaggio
  • Rapporto qualità-prezzo
  • Modello affidabile
  • Vista sul retro
  • Vibrazione
  • Manovra faticosa
Von unserem Team geprüft:

Generale

digitare
Tourer sportivi
Eia
12.240 €

Dimensioni

Lunghezza
2.130 mm
Altezza
1.190 mm
Peso
249 kg
Ab. Peso
444 kg
Passo
1.440 mm

Prestazioni e autonomia di guida

Da 0 a 100
3,1 s
Da 60 a 100
4,2 s
Contenuto del serbatoio
21 l
Consumo
5,9 l
Gamma
350 km
Velocità massima
244 km/h

Trasmissione di motori e potenza

Progettazione del motore
V4 90 gradi a quattro tempi
Numero di cilindri
4
Raffreddamento
Liquido
Spostamento
782 ccm
Foro
72 mm
Hub
48 mm
Prestazione
109 PS
10.500 U/Min
Coppia
80 NM
8.800 U/Min
Numero di marce
6
Guida
Catena o-ring

Sospensioni e freni

Telaio
Telaio del ponte
Alluminio
Parte anteriore delle sospensioni
Telefork, 43 mm
Viaggio:
120 mm
Puntone posteriore
Gamba centrale a molla
Viaggio:
120 mm
Posteriore sospeso
Forcellone monobraccio in alluminio
Freni davanti
Sella a tre pistoni
296 mm
Pneumatici nella parte anteriore
120/70-ZR17
Freni posteriori
Sella a tre pistoni
256
Pneumatici posteriori
180/55-ZR17
Ass
ABS combinato

Ulteriori prove

Foto: Dietmar

Prova Triumph Tiger 800

Recensione

Oltre agli anni '900 retrò chiamati Z900RS, Kawasaki ha anche la forma moderna nella sua gamma, e
Oltre agli anni '900 retrò chiamati Z900RS, Kawasaki ha anche la forma moderna nella sua gamma, e

BMW F 850 GS

Recensione

Oltre agli anni '900 retrò chiamati Z900RS, Kawasaki ha anche la forma moderna nella sua gamma, e
Oltre agli anni '900 retrò chiamati Z900RS, Kawasaki ha anche la forma moderna nella sua gamma, e
Foto: BikeReview.info

KTM 890 Duca R

Recensione

Oltre agli anni '900 retrò chiamati Z900RS, Kawasaki ha anche la forma moderna nella sua gamma, e
Oltre agli anni '900 retrò chiamati Z900RS, Kawasaki ha anche la forma moderna nella sua gamma, e

Test della KTM 1290 Super Adventure S

Recensione

Oltre agli anni '900 retrò chiamati Z900RS, Kawasaki ha anche la forma moderna nella sua gamma, e
Oltre agli anni '900 retrò chiamati Z900RS, Kawasaki ha anche la forma moderna nella sua gamma, e
Foto: Dietmar

Yamaha Ténéré 700

Recensione

Oltre agli anni '900 retrò chiamati Z900RS, Kawasaki ha anche la forma moderna nella sua gamma, e
Oltre agli anni '900 retrò chiamati Z900RS, Kawasaki ha anche la forma moderna nella sua gamma, e