Ducati Monster 821

Test: Ducati Monster 821 (Baujahr 2020)

La misura del centro

La Ducati Monster 821 è arrivata alla nostra prova. Beh, è una bugia. Onestamente, lo volevamo e basta. Non è una novità, avevamo solo un dollaro. A volte devi solo farlo. Una decisione saggia, come si è scoperto.

Costruito per 27 anni

Il mostro è una costante del mondo motociclistico. In realtà, Ducati non vende quasi tante motociclette quante le case giapponesi, ma spesso si sente. Ci sono due cose: in primo luogo, dura a lungo e, in secondo luogo, è stato costruito per più di 27 anni dalla sua presentazione nel 1993. Si unisce qualcosa, quindi puramente in termini di quantità.

Poiché Ducati è un maestro nella manutenzione del modello, le numerose versioni, miglioramenti e attrezzature sono diventate quasi ingestibili. Tre modelli sono attualmente in offerta. Il piccolo è il 797 da 75 CV, poi segue come centro d'oro la nostra 821 da 109 CV, sopra la 1200. La loro variante S ci ha fornito esperienze estremamente belle e, grazie a 150 CV, emozionanti. Funziona un passo più in basso?

Niente mostro, niente Ducati

Foto: Ducati

Ma prima, fai un passo indietro. La serie Monster è stata un successo allora così com'è oggi. Doveva, perché la sopravvivenza della Ducati era (di nuovo) appesa al famoso filo di seta. Se i mostri fossero crollati nel 1993, la Ducati probabilmente non esisterebbe più. È - monster driver, devi essere forte ora - a causa della tenuta finanziaria dell'azienda un mish-mash di diversi componenti utilizzati in altre Ducati. Riciclaggio in italiano. I motori provengono dai modelli Supersport, il telaio è preso in prestito dalla serie Superbike.

Eppure la Ducati ha mescolato qualcosa di completamente nuovo dalle parti note, grazie al designer Miguel Angel Galluzzi. Era un cacciatrice? Per molti motociclisti, sembrava segnare una nuova classe, che oggi commercia come Naked Bike. Il design con l'omissione consapevole di un parabrezza, l'enfasi del telaio e il tipico suono V2 conferiscono alla moto il suo carattere. Sebbene l'origine delle parti possa essere stata poco innovativa, la composizione è stata.

E, non dimentichiamolo, uno scaffale di parti come quello di Ducati, da cui è possibile utilizzare, molti altri produttori vorrebbero avere.

Su bit e aiutanti alimentati da byte ci sono oggi, tra le altre cose, un controllo della trazione con otto passaggi e un ABS con tre modalità a bordo.

L'821 è in circolazione dal 2014. A quel tempo, le fu dato un sistema di raffreddamento ad acqua, il cui dispositivo di raffreddamento cambia ovviamente il design in modo duraturo. Ma piace, Ducati riesce a tenere aggiornati i mostri. Il V2 con una cilindrata di, beh, avete indovinato: 821 metri cubi producono 109 CV, questi devono solo spingere 206 chili più equipaggio in avanti.

Visivamente, un mostro sembra sempre più piccolo di quanto non sia in realtà con una lunghezza di 2,15 metri. È dovuto alla costruzione piatta?

Ma andiamo, vediamo.

image

Grande V2

La salita è facile per i piloti di dimensioni normali, anche se il mostro non è così basso come sembra. Sono disponibili due altezze dei sedili, 785 o 810 millimetri.

In termini operativi, Ducati ha fatto enormi passi avanti negli ultimi anni. Questo grande passo è stato possibile, tra le altre cose, perché fino a poco tempo fa Ducati offriva alcuni display che avevano poco a che fare con le richieste autoimposti della moto esclusiva. Ma ora tutto è paletti e anche così buono che altri produttori possono tagliare un disco.

Senza fuoco, quindi, e gli angoli della bocca si muovono inesorabilmente verso i lobi delle orecchie. Gli amici del suono V2 ben tenuto godono di questo, mentre altri si chiedono a velocità più elevate come questa macchina sia stata in grado di ottenere l'approvazione secondo lo standard Euro 4. Ma questo non è un rumore, e certamente niente. Il suono è giustificato, perché il V2 spinge in avanti con la tipica brutalità Ducati. 109 CV appartengono alla classe medio-alta in termini di prestazioni, ma niente di tutto questo è mediocre. Piuttosto per quanto riguarda i mostri.

E ancora, sorge il sospetto che di più non sia necessariamente migliore. Il già citato 1200 ci rende amici simili a mostri - ma davvero più dell'821? La corsa massima è di 225 km/h, la 1200 si gonfia fino a 255 km/h. Ma non importa se non vuoi guidare 225 o 255 km /h grazie alla mancanza di protezione dal vento? Se non sapete che ce ne sono 1200, non vi mancherete. La classe media della Ducati si stacca come un matto, si getta nelle curve da sola e frena brutalmente (anche se con un chiaro momento di set-up) in curve.

La limitazione del Monster 821 non è la potenza del motore, ma la capacità di guida del pilota, pointum. Se rimaniamo entro questi limiti di quello che abbiamo fatto, la giornata è andata esattamente come pensavamo. A volte devi solo farlo, ma probabilmente ne ho parlato.

Costoso, ma buono

Tutta la pace, la gioia e i paesaggi fiorenti? Fatta eccezione per il momento di impostazione in curva e la sensazione che potrebbe diventare un po 'caldo in estate grazie alla curvatura sul ginocchio destro, c'è un altro punto. Le borse dell'acquirente mostro dovrebbero essere profonde e ben riempite, perché sul cartellino del prezzo sono 11.200 euro. Questo è economico, ma solo nei circoli dei mostri. Una Kawasaki Z 900 paragonabile alle prestazioni costa 9.596 euro, 9.099 euro la Yamaha MT-09.

A questo punto, l'obiettività del tester inizia a diventare sottile. Prenderei il Duc e mi consolerei con il fatto che risparmia 6.290 euro rispetto al 1200. È una sciocchezza, lo so. Ma è quasi stupido come il motociclismo.
Splendida.

La moto di prova ci è stata fornita da Ducati Hamburg.

Prezzo / Disponibilità / Colori / Anni di costruzione

  • Prezzo: 11.200€
  • Usato (3 anni): 8.000€
  • Anni di costruzione: dal 2014
  • Disponibilità: buona
  • Colori: rosso, modello speciale Stealth: nero opaco
Aperto
Vicino
waveform

Pro e Kontra

  • Telaio
  • Motore potente
  • Freni
  • Operazione
  • Comfort sociano
Von unserem Team geprüft:

Generale

digitare
Nudo
Eia
11.490 €

Dimensioni

Lunghezza
2.154 mm
Altezza
1.061 mm
Peso
213 kg
Passo
1.480 mm

Prestazioni e autonomia di guida

Contenuto del serbatoio
17,5 l
Velocità massima
225 km/h

Trasmissione di motori e potenza

Progettazione del motore
V
Numero di cilindri
2
Raffreddamento
Liquido
Spostamento
821 ccm
Foro
88 mm
Hub
67,5 mm
Prestazione
109 PS
9.250 U/Min
Coppia
87 NM
7.750 U/Min
Numero di marce
6
Guida
Catena

Sospensioni e freni

Telaio
Tubo reticolare
Acciaio
Puntone posteriore
Mono-piuma
Freni davanti
Doppio disco
Freni posteriori
Disco

Ulteriori prove

Foto: Dietmar

Prova Triumph Tiger 800

Recensione

Oltre agli anni '900 retrò chiamati Z900RS, Kawasaki ha anche la forma moderna nella sua gamma, e
Oltre agli anni '900 retrò chiamati Z900RS, Kawasaki ha anche la forma moderna nella sua gamma, e

BMW F 850 GS

Recensione

Oltre agli anni '900 retrò chiamati Z900RS, Kawasaki ha anche la forma moderna nella sua gamma, e
Oltre agli anni '900 retrò chiamati Z900RS, Kawasaki ha anche la forma moderna nella sua gamma, e
Foto: BikeReview.info

KTM 890 Duca R

Recensione

Oltre agli anni '900 retrò chiamati Z900RS, Kawasaki ha anche la forma moderna nella sua gamma, e
Oltre agli anni '900 retrò chiamati Z900RS, Kawasaki ha anche la forma moderna nella sua gamma, e

Test della KTM 1290 Super Adventure S

Recensione

Oltre agli anni '900 retrò chiamati Z900RS, Kawasaki ha anche la forma moderna nella sua gamma, e
Oltre agli anni '900 retrò chiamati Z900RS, Kawasaki ha anche la forma moderna nella sua gamma, e
Foto: Dietmar

Yamaha Ténéré 700

Recensione

Oltre agli anni '900 retrò chiamati Z900RS, Kawasaki ha anche la forma moderna nella sua gamma, e
Oltre agli anni '900 retrò chiamati Z900RS, Kawasaki ha anche la forma moderna nella sua gamma, e