Ducati Streetfighter V4

Test: Ducati Streetfighter V4S (Baujahr 2020)

Senza parole

imageFoto: Motorradtest.de
Beh, come descrivi l'senza parole? Se ti mancano le parole del senso allagato? Non ne abbiamo idea, ma ci proveremo, perché abbiamo testato un ferro molto caldo: il Ducati Streetfighter V4S.

Un vero combattente di strada

L'umanità, va detto, è incline a mentire. Non deve essere una cosa negativa, nel caso delle bugie di emergenza è persino inevitabile. E non ci piace sentire tutti "Ti amo" o "Un momento per favore, il collega sta arrivando"? Il nostro oggetto di prova è un po' diverso. Non mente mai: il Ducati Streetfighter V4S è proprio questo: un combattente di strada. Ad ogni semaforo, in ogni curva, ovunque si nasconde il nemico. Il design supporta questo personaggio nel modo più accurato. La striscia frontale a V da sola. Può essere impostato in due livelli di luce, ma in ognuno di essi sembra un ferro ardente che vuole bruciare una V nel fianco. O l'ingresso dell'aria dietro la ruota anteriore. A prima vista, si pensa che serva l'alimentazione dell'aria ai refrigeratori sovrapposti. In realtà, però, è una gola strappata che vuole assorbire gli altri.

E questo anche se non abbiamo ancora guidato per un metro. Lo sguardo vaga con riverenza sulla tecnologia. A differenza del donatore tecnico, il Panigale V4 completamente vestito, lo splendore e la gloria sono evidenti. Tubi e linee posati in modo pulito portano cose vitali da o verso il motore V4. Il tutto sottolinea il carattere meccanico dello Streetfighter, come impareremo tra un po '.

Il motore produce 208 CV. Certo, questo potrebbe essere un po' troppo poco in alcune situazioni (quale?), quindi Ducati ha ancora lo scarico sportivo in titanio, che spinge la potenza a 220 CV (e costa 4.831,40 euro in più).

imageimageimage

Pacchetto di sicurezza completo

La nostra moto di prova non ce l'aveva, costa come variante S con il prezzo di listino delle sospensioni Öhlins già 22.990 invece di 19.990 euro per la versione normale, ma non si può essere meschini con Ducati. Nonostante il motore mostro con 199 chili, la variante S rimane appena sotto la barriera del suono di 200 chili, che nemmeno un passeggero voluminoso può cambiare. Nella nostra configurazione non è fornito, una parte di plastica chiude la panca, mancano anche poggiapiede.

Per questo, notiamo qualcosa di positivo che non avevamo necessariamente annoverato tra le competenze di base di Ducati: l'operazione. Prima di tutto, il Duc avvia il pacchetto di sicurezza completo. Che si tratti di ABS curva, stoppie e wheelie preventer o di una protezione fionda con controllo della trazione, il Duc ha tutto. E tutto può essere regolato in diverse fasi, ci devono essere un totale di migliaia di varianti. Se pensi ai controlli sovraccarichi di alcune biciclette con brividi, puoi rilassarti. Ducati è riuscita a regolarlo rapidamente e accattivante con soli due pulsanti. Ci si chiede: perché non lo fanno tutti?

Prima di diventare ragionevoli, cominciamo.

image

Il mondo non basta

Hai vicini e hai davvero un ottimo rapporto con loro? Scordatelo, era ieri. Ok, il nostro Duc è certificato solo Euro 4, ma ci si chiede ancora come gli italiani hanno ottenuto l'approvazione per questa parte. Non solo il volume pura sorprende con il gas stand, ma anche il suono in agguato, sempre un po 'marcio, aggressivo. Una festa per ducatisti, tutti gli altri chiama la polizia. Prima che si presenta, andiamo via. Nessuno è sorpreso che sembri ancora più aggressiva sulla strada, piuttosto che come sta andando. A parte quello che dice, questo è un motore che ovviamente ha le migliori maniere. Tra 2.000 tour? Fattibile. Nel quarto attraverso la città? Chiaro. La prima marcia raggiunge oltre i 100 km/h, ma tuttavia non è necessario destreggiarsi con gas e frizione all'avvio. A proposito: Come per il Monster 1200 S, il Quickshifter convince con reazioni serene e pulite.

Ora abbiamo disattivato il programma obbligatorio e siamo arrivati a ciò per cui è effettivamente costruito il Ducati Streetfighter V4S. Il mondo non basta per questa moto, ha detto un tester. E questo è vero: qualunque cosa tu possa vedere, arriva a velocità di curvatura. Impossibile che una moto possa essere così veloce? Ma deve essere, anche se è difficile da immaginare. L'accelerazione pura a 100 viene eseguita in ben tre secondi. Non lo è.

Ciò che ti sconcerta qui è il concetto generale. Anche se il Duca convince nella vita di tutti i giorni (vedi sopra), ci mette ancora almeno tre in modalità combattimento. Sotto un rumore infernale e arrabbiato, combatte tutto ciò che le si avvicina. Indipendentemente dalla velocità, il V4 tira avanti i quasi 200 chili. Il tutto accade senza un secondo di ricordo, tutti, in realtà tutti i sensi sono immediatamente in attacco.

Il telaio fa un lavoro discreto, che è il miglior complimento che puoi fare ad esso. Questo e il motore sono ancora sminuito. Da chi o cosa? Il sistema Brembo (Stylema M4.30), che frena questo mostro in sicurezza, controllato e con tutta la sua potenza in ogni momento. Il fatto che il sistema possa essere perfettamente dosato e azionato con due dita non peggiora certo le cose.

Tutto il resto sembra lento

Cosa rimane? Chi utilizza il Ducati Streetfighter V4S rimarrà senza parole. Sembra impossibile abituarsi a questa forza primordiale (d'altra parte, è anche impossibile mantenere la patente di guida mentre si prova). Ci sono un certo numero di moto nude, come i KTM Super Dukes,che ci hanno impressionato duramente. Ma, sia chiaro: la Ducati è altri tre numeri più nitidi. Non solo in termini di prestazioni di guida, ma in termini di concetto generale. Improvvisamente, tutto ciò che hai guidato finora sembra essere sottoalimentato.

Se stai cercando questo piccolo suggerimento in un gruppo target appuntito, sei proprio qui. Ducati ha messo la moto aggro definitiva su due ruote. Tutti gli altri non dovrebbero essere accecati dall'idoneità all'uso quotidiano: non è un peccato non piacere al Duca.

Hm. Non sarebbe un peccato, ma è un peccato ;)

La moto di prova ci è stata fornita da Ducati Hamburg.

Prezzo / Colori / Anni di costruzione

  • Prezzo: da 19.990€
  • Anni di costruzione: dal 2020
  • Colori: rosso
Aperto
Vicino
waveform

Pro e Kontra

  • Power bike infernale con prestazioni incredibili e tutte le caratteristiche di sicurezza.
  • Power bike infernale con prestazioni incredibili e tutte le caratteristiche di sicurezza.

Nuove immatricolazioni della Streetfighter V4

Wettbewerber einblenden
Caricamento grafico in titolo...

Nuove immatricolazioni della Streetfighter V4

Wettbewerber ausblenden
Caricamento grafico in titolo...
Von unserem Team geprüft:

Generale

digitare
Nudo
Eia
19.990 €

Dimensioni

Peso
198 kg
posto a sedere
835 mm
Passo
1.488 mm

Prestazioni e autonomia di guida

Contenuto del serbatoio
16 l
Velocità massima
275 km/h

Trasmissione di motori e potenza

Progettazione del motore
V4
Numero di cilindri
4
Spostamento
1.103 cc
Foro
81 mm
Hub
53,5 mm
Prestazione
208 CV
Coppia
123 NM
Numero di marce
6
Guida
Catena

Sospensioni e freni

Parte anteriore delle sospensioni
Capovolta Forcella
Viaggio:
120 mm
Viaggio:
130 mm
Posteriore sospeso
1 puntone
Freni davanti
Dopplescheibe
Pneumatici nella parte anteriore
120/70 ZR 17
Freni posteriori
Disco singolo
Pneumatici posteriori
200/60 ZR 17
Ass
Curva ABS

Ulteriori prove

Ducati Monster 1200 S

Recensione

Oltre agli anni '900 retrò chiamati Z900RS, Kawasaki ha anche la forma moderna nella sua gamma, e
Oltre agli anni '900 retrò chiamati Z900RS, Kawasaki ha anche la forma moderna nella sua gamma, e
Foto: Dietmar

Ducati SuperSport S

Recensione

Oltre agli anni '900 retrò chiamati Z900RS, Kawasaki ha anche la forma moderna nella sua gamma, e
Oltre agli anni '900 retrò chiamati Z900RS, Kawasaki ha anche la forma moderna nella sua gamma, e