BMW R 18

BMW R 18 Dragster

Roland Sands, custom bike designer di fama mondiale, onora la nuova BMW R 18 con una conversione in linea retta che mette in mostra perfettamente l'iconico e impressionante motore boxer.

Il risultato: la R 18 Dragster. Lui e il suo team hanno lasciato che la loro creatività si scatenava intorno al grande pugile a due cilindri e hanno creato un capolavoro unico.

Foto: BMW Motorrad

Il passato personale di Roland Sands è servito come fonte di ispirazione. "Con un motore così visibile al centro, ho pensato direttamente alle muscle car. La mia famiglia ha sempre avuto un debole per la guida veloce e mio padre era un dragster racer. Ecco perché ho pensato che avessi senso ridurre la moto all'essenziale e rimodellarla in modo che viaggi veloce su una pista dritta", spiega il designer.

La nuova BMW R 18: un incrociatore sovrano con radici storiche.

Con la nuova R 18, BMW Motorrad ha presentato il primo veicolo di produzione nel segmento cruiser nell'aprile 2020. Come nessuna moto BMW prima, è tecnicamente e forma-linguaggio nella tradizione delle motociclette STORICHE BMW. Prende in prestito sia tecnicamente che visivamente da modelli famosi come la BMW R 5 e rimette sotto i riflettori gli elementi essenziali della moto: tecnologia puristica, senza fronzoli e il motore boxer come epicentro del piacere di guida.

Il cuore della nuova BMW R 18 è un motore boxer a due cilindri completamente di nuova sviluppo, il "Big Boxer". Non solo con il suo aspetto impressionante, ma anche dal punto di vista tecnico, si basa sui tradizionali motori boxer raffreddati ad aria, che hanno fornito un'esperienza di guida stimolante dall'inizio della produzione BMW Motorrad nel 1923.

Il processo di progettazione tecnica di Roland Sands.

Roland Sands inizia sempre con schizzi su carta. Questo gli permette di analizzare le forme e le basi della moto e scoprire cosa è possibile con la costruzione esistente della moto. "La vera magia accade alla fine quando portiamo in vita lo schizzo", afferma Roland Sands.

Il nuovo R 18 offre un'architettura molto adatta alle conversioni come quasi nessun'altra moto. Di conseguenza, ha un telaio posteriore facilmente rimovibile e un set di vernici facile da rimuovere. Ciò garantisce un alto grado di libertà di convertire la sezione posteriore del nuovo R 18 in base alle aspettative personali con relativamente poco sforzo e di progettare la verniciatura secondo i propri desideri. "L'elettronica è stata sicuramente la più difficile da elaborare in quanto abbiamo aggiunto protossido di azoto, rimosso lo scarico della serie e cambiato drasticamente il sistema di ingresso del motore. È stato un piccolo esperimento, ma l'abbiamo fatto! L'R 18 è impressionante e molto ben rifinito, come ci si aspetterebbe da BMW Motorrad. Fin dall'inizio, non vedevo l'ora di iniziare questa conversione!" sottolinea Roland.

Nel caso della R 18 Dragster, il team intorno a Roland Sands mantenne l'asse sterzante standard della R 18, rimosse la parte posteriore originale della moto e la trasformò in una dragster bike. Roland Sands decise anche di cambiare i parafanghi anteriori e posteriori per adattarli al telaio modificato. L'intero processo di aggiustamento ha richiesto tre mesi e mezzo. Successivamente, il team ha guidato la moto in officina per il montaggio finale e, naturalmente, per una giornata su una pista.

"Ogni moto richiede diverse fonti di approvvigionamento, materiali e parti speciali, a seconda del design. Anche dopo la costruzione di oltre 200 biciclette, ogni nuovo concetto è un piccolo processo di apprendimento. Vogliamo sempre capire il genere in cui ci troviamo. Questa è la chiave per mantenerlo autentico e funzionale", spiega Roland.

Oltre alla Custom Bike, Roland Sands ha creato due diverse collezioni di design di parti di fresatura in alluminio per la nuova R 18, che saranno disponibili dal lancio sul mercato: "Machined" e "2-Tone-Black". Le dimensioni "Machined" e "2-Tone Black" includono, ad esempio, ruote anteriori e posteriori. Inoltre, la gamma di queste esclusive parti di fresatura spazia dagli alloggiamenti del tachimetro ai morsetti del manubrio, ai sollevatori del manubrio, alle maniglie del manubrio, alle leve o agli specchietti retrovisori per motori, tappi per serbatoi, coperture airbox e molto altro.

Per la R 18 Dragster, Roland Sands ha utilizzato la collezione di design "2 Tone-Black" di parti di fresatura per l'individualizzazione di leve a mano, seni eroe, ruote, fari e copri valvole. La sezione anteriore del dragster è stata presa in consegna dalla R nineT. Sia il sedile che lo scarico sono singolarmente e completamente nuovi.

L'R 18 Dragster in dettaglio.

Il telaio è stato completamente ridisegnato, le sospensioni posteriori per le gare di drag racing sono state radicalmente cambiate.

I parafanghi anteriori e posteriori sono stati leggermente modificati utilizzando le parti della serie per mantenere la classica silhouette R 18.

Il faro è stato ripreso dalla R 18 e integrato con il pannello faro della collezione roland sands di parti di fresatura in alluminio della R 18.

Lo scarico della serie è stato sostituito da un doppio sistema di megafoni fatto a mano in acciaio inossidabile, utilizzando i pezzi finali della collezione di design delle parti di fresatura in alluminio.

I coperchi dei contenitori compensatori sono di Roland Sands Design.

Il serbatoio è stato preso in consegna dal veicolo di produzione originale.

Il colore è un blu metallizzato bicolore con un classico doppio allungamento bianco del pittore di lunga data di Roland Chris Wood.

La forcella è stata presa in consegna dalla BMW R nineT.

Il sistema frenante a ruota anteriore proviene dalla BMW S 1000 RR.

La panca è completamente nuova ed è una RSD Costum-Seat di Saddlemen.

Roland Sands: L'uomo dietro i disegni.

Foto: BMW Motorrad

Roland Sands è cresciuto su una moto. Suo padre era un dragster racer che ha realizzato moto e parti su misura. Di conseguenza, Roland è cresciuto nel bel mezzo di officine e motociclette, e non passò molto tempo prima che anche lui guidasse moto fuoristrada e le smontasse. Inoltre, ha proseguito la sua carriera di pilota per più di 10 anni.

Oggi Roland Sands è un designer di abbigliamento per bici e moto di fama internazionale, con clienti in tutto il mondo.

Il suo team è meglio conosciuto per la combinazione di stili e la creazione di nuovi generi. "La combinazione di estetica e funzione racing, unita al nostro stile personalizzato, è probabilmente ciò per cui siamo più conosciuti. Vogliamo che le nostre conversioni funzionino anche meglio delle moto della serie alla fine", spiega il designer.

Per Roland Sands il motociclismo non è solo un lavoro: "È davvero difficile descriverlo in poche frasi. Per me, il motociclismo è l'incredibile sensazione di diventare uni con la macchina. La mia moto è la mia vita. È tutto per me- è quello che faccio.

Aperto
Vicino

Strettamente fatto!

Blog

Siamo tornati! Dopo una settimana di passi alpini (almeno tre al giorno), la squadra di BikeReview.info è arrivata di nuovo alla loro scrivania. E condividiamo la nostra
Siamo tornati! Dopo una settimana di passi alpini (almeno tre al giorno), la squadra di BikeReview.info è arrivata di nuovo alla loro scrivania. E condividiamo la nostra
Foto: BMW

Concept R18 di BMW

Blog

Siamo tornati! Dopo una settimana di passi alpini (almeno tre al giorno), la squadra di BikeReview.info è arrivata di nuovo alla loro scrivania. E condividiamo la nostra
Siamo tornati! Dopo una settimana di passi alpini (almeno tre al giorno), la squadra di BikeReview.info è arrivata di nuovo alla loro scrivania. E condividiamo la nostra
Foto: Wunderlich

Miglior marchio 2020 - Meraviglioso

Blog

Siamo tornati! Dopo una settimana di passi alpini (almeno tre al giorno), la squadra di BikeReview.info è arrivata di nuovo alla loro scrivania. E condividiamo la nostra
Siamo tornati! Dopo una settimana di passi alpini (almeno tre al giorno), la squadra di BikeReview.info è arrivata di nuovo alla loro scrivania. E condividiamo la nostra

Raccomandazione del libro: "Arte di BMW"

Blog

Siamo tornati! Dopo una settimana di passi alpini (almeno tre al giorno), la squadra di BikeReview.info è arrivata di nuovo alla loro scrivania. E condividiamo la nostra
Siamo tornati! Dopo una settimana di passi alpini (almeno tre al giorno), la squadra di BikeReview.info è arrivata di nuovo alla loro scrivania. E condividiamo la nostra