"Obbligo di sanzione"

L'UE vuole riscuotere oltre il 50% dei dazi doganali sulle motociclette Harley-Davidson

Quando due discutono, colpisce il terzo

Nell'aprile 2021, un messaggio da Bruxelles ha causato grande stupore per Harley-Davidson: la Commissione europea ha ritirato le informazioni vincolanti sull'origine (BOI) dell'azienda, il che significa che sarà dovuto un "dazio punitivo" - uno che ha tutto: dal 1 ° giugno 2021, Harley-Davidson pagherà dazi doganali per un totale del 56% su ogni moto venduta nell'Unione europea.

Come promemoria, dopo che l'amministrazione Trump ha deciso nel giugno 2018, per motivi protezionistici, di imporre una tariffa del dieci per cento sui prodotti europei in alluminio e del 25 per cento sui prodotti siderurgici europei, l'UE ha risposto e pubblicato un elenco di prodotti statunitensi – comprese le motociclette con una cilindrata di oltre 500 centimetri cubici – che da allora sono stati soggetti a tariffe aggiuntive quando importati nell'UE. Per le macchine di Milwaukee, il tutto sommato dal sei al 31% di dazi doganali. Harley-Davidson non ha scaricato l'onere aggiuntivo sulle spalle della clientela e invece ha sopportato i costi drasticamente aumentati per un po '. Solo un buon anno dopo, la situazione è cambiata: dalla fine del 2019, quasi tutte le Harley per l'Europa provengono dalla produzione tailandese e un'approvazione BOI dell'UE ha ora assicurato un tasso tariffario moderato del sei percento per l'importazione di queste macchine.

Questo BOI, vuole l'UE, non dovrebbe più applicarsi e allo stesso tempo la "tariffa punitiva" sarà raddoppiata al 50 per cento. Ciò significa che le motociclette Harley-Davidson a benzina saranno in futuro soggette a un dazio all'importazione di un totale del 56%, indipendentemente dal loro luogo di produzione. Abbastanza ingiusto, rileva l'Association of Harley-Davidson Dealers e. V., perché le case motociclistiche europee possono continuare ad esportare negli USA con dazi all'importazione significativamente più bassi: l'1,2 per cento è dovuto per le macchine fino a 800 centimetri cubici, fino al 2,4 per cento per le moto oltre gli 800 centimetri cubici e il 2,5 per cento per le auto.

Matthias Meier, presidente dell'Associazione tedesco-austriaca e dell'Associazione europea dei concessionari Harley-Davidson, spiega: "La decisione dell'UE contraddice la nostra idea di relazioni commerciali eque. Crea un palese svantaggio competitivo per le nostre motociclette rispetto ad altri marchi e quindi ha un impatto enorme sulle nostre attività commerciali come rivenditori autorizzati". Antonio Perlot, Segretario Generale della European Two-Wheeler Manufacturers Association ACEM, ha aggiunto: "Chiediamo alla Commissione Europea e alla nuova amministrazione statunitense di riprendere un dialogo commerciale transatlantico positivo. Rimaniamo impegnati a garantire che entrambe le parti tornino a ragionare e trovino una soluzione".

Quali effetti avrà la decisione dell'UE sul commercio europeo Harley-Davidson e sui clienti europei non è ancora prevedibile. "Una cosa è certa: il tutto è molto più che ingiusto, minaccia l'esistenza", sottolinea Matthias Meier. "Quasi tutti i concessionari autorizzati vendono solo il marchio Harley-Davidson e assicuriamo più di 10.000 nuove immatricolazioni con il logo bar-and-shield sul serbatoio ogni anno solo in Germania. In Germania, 67 concessionari autorizzati con circa 1.000 dipendenti sono interessati dai potenziali effetti, in Europa ci sono circa 370 concessionariE H-D e il numero di posti di lavoro interessati è di circa 5.500. E in tutto questo, naturalmente, non dobbiamo dimenticare migliaia di clienti nell'Unione europea. Non vogliamo essere schiacciati tra le macine della politica in questo conflitto commerciale con i nostri clienti e i fan del marchio. Accogliamo quindi con favore il fatto che il produttore Harley-Davidson faccia appello contro la decisione dell'UE".

L'Associazione dei concessionari Harley-Davidson rimane impegnata nel commercio libero ed equo e spera nella solidarietà dell'intero panorama motociclistico europeo.

Aperto
Vicino
Foto: BikeReview.info

Harley Davidson

Blog

Siamo tornati! Dopo una settimana di passi alpini (almeno tre al giorno), la squadra di Motorradtest.de è arrivata di nuovo alla loro scrivania. E condividiamo la nostra
Siamo tornati! Dopo una settimana di passi alpini (almeno tre al giorno), la squadra di Motorradtest.de è arrivata di nuovo alla loro scrivania. E condividiamo la nostra
Foto: Harley-Davidson

"Vinci la tua libertà" -Harley-Davidson il test drive

Blog

Siamo tornati! Dopo una settimana di passi alpini (almeno tre al giorno), la squadra di Motorradtest.de è arrivata di nuovo alla loro scrivania. E condividiamo la nostra
Siamo tornati! Dopo una settimana di passi alpini (almeno tre al giorno), la squadra di Motorradtest.de è arrivata di nuovo alla loro scrivania. E condividiamo la nostra

Record del mondo su LiveWire

Blog

Siamo tornati! Dopo una settimana di passi alpini (almeno tre al giorno), la squadra di Motorradtest.de è arrivata di nuovo alla loro scrivania. E condividiamo la nostra
Siamo tornati! Dopo una settimana di passi alpini (almeno tre al giorno), la squadra di Motorradtest.de è arrivata di nuovo alla loro scrivania. E condividiamo la nostra
Foto: Harley Davidson

NIENTE È PARAGONABILE A TE

Blog

Siamo tornati! Dopo una settimana di passi alpini (almeno tre al giorno), la squadra di Motorradtest.de è arrivata di nuovo alla loro scrivania. E condividiamo la nostra
Siamo tornati! Dopo una settimana di passi alpini (almeno tre al giorno), la squadra di Motorradtest.de è arrivata di nuovo alla loro scrivania. E condividiamo la nostra